Favoletta

Redazione

27 marzo 2020

Umberto Saba

Tu sei la nuvoletta, io sono il vento;
ti porto dove mi piace;
ti porto qua e là per il firmamento,
e non ti do mai pace.
Vanno a sera a dormire dietro i monti
le nuvolette stanche.
Tu nel tuo lettuccio i sonni hai pronti
sotto le coltri bianche.