Carme 5

Alice Strobino

6 marzo 2022

Catullo

Vivamus, mea Lesbia, atque amemus,

rumoresque senum   severiorum

omnes unius   aestimemus assis.

Soles occidere et redire possunt;

nobis cum semel   occidit brevis lux,

nox est una dormienda.

Da mi basia mille, deinde centum,

dein altera mille, dein secunda centum,

deinde usque altera mille, deinde centum;

dein, cum milia multa fecerimus,

conturbabimus illa, ne sciamus,

aut ne quis malus invidere possit,

cum tantum sciat esse basiorum.



Vita e   amore a noi due Lesbia mia

E ogni   acida censura di vecchi

Come   un soldo bucato gettiamo via.

Il   sole che muore rinascerà

Ma   questa luce nostra fuggitiva

Una   volta caduta, noi saremo

Premuti   da una notte senza fine.

Dammi   baci cento baci mille baci

E   ancora baci cento baci mille baci!

Le miriadi   dei nostri baci

Tante   saranno che dovremo poi

Per   non cadere nelle malìe

Di un   invidioso che sappia troppo,

perderne   il conto scordare tutto.


trad. Guido Ceronetti