Alla Veneziana*

Alice Strobino

14 luglio 2022

Davide Marchese

Vivo dimesso, come il carassio
disorientato dalla corrente
scaraventato dal fiume ai canali
fra questi indecisi gambali
turistici, in piazza San Marco.

Muovo ingrigito il peso che stride

impermeabile ai lagunari
istinti che non han ripari

fuor dai bisogni, loro compari.

Male abituato ai voli cintati

domenicali dei sentimenti
alluvionali su gondole intrise
di quella salsedine non
dei fiumi, nemmanco dei mari
eppure che imprime sui bassi fondali
tutto il sommerso in cui so rimarrò
coi voli fruscianti che fanno i piccioni
e il suono del mite antiquato carillon


* - Con sign. particolare, allusivo alla poca dimestichezza che i Veneziani, date le loro tradizioni marinare, dovevano avere con i cavalli, nel seguente passo di B. Castiglione (Il libro del cortegiano, l. I, cap. XXVII): Vedete come un cavalier sia di mala grazia, quando si sforza d’andare così stirato in su la sella e,come noi sogliam dire, alla veneziana, a comparazion d’un altro, che paia che non vi pensi e stia a cavallo così disciolto e sicuro come se fosse a piedi. ( Treccani on line )


-------Interpretazione in veneziano di Enrico Balello-------


Ała Venexiana

Stago baso, come eła rumatera

disorientà dała corente,

sbatuo dal fiume nel canał

co sti insèrti ganbałi

da turista, in piasa San Marco.

Movo biso el peso che 'l siòla

impermeabile ałi istinti

deła laguna che no gà ripari

fora dai bisogni che i ghe xé compari.

Mal 'bituà ai vołi sintai

domenicałi dei sentimenti

aluvionałi su łe gondołe supe

de che'l salso no

dei rii, gnanca dei mari

epur che'l fraca sui basi fondałi

tuto el negà sóra cui starò coi svołi

che i susia come che i fa i colonbi

e 'l son del chieto carillon vecio:

Liziero rondò de tenpi mejo.