Così finisce il mio sentiero

Alice Strobino

9 dicembre 2020

Luciano Rossi

Tutto s’arresta innanzi a questo muro;

da un groviglio di spine il varco è invaso

e anche il pendolo più non batte l’ora.


Così finisce il mio sentiero

a pochi passi dalla porta chiusa.


Niente di vivo a me risuona

ed è raro che nel pieno mezzogiorno

(se ancora esiste il cielo)

non trascorra il cirro che sovrasta il monte.


Quest’ora, e tutto, è immobile silenzio

svanita ogni memoria ed ogni volo.

Quest’ora, e tutto, è inalterato muro.

Altro non v’è.


Lo sguardo oltre non va

di questi sterpi, ove la via si rompe,

ove l’usata fontana si sdirupa,

ove si sgreta il forno

che ieri ancora il fico sorreggeva.


E non vedo la stanza del miele

e la sua sorte.

© 2019 e oltre by Poetiamo - Associazione culturale senza fini di lucro - Cod.Fisc. 94037850180